Dopo la corrida…


Finalmente anche la stampa (Corriere della Sera) se ne sta accorgendo…

Spagna-sud Italia: 2000km di tragitto per circa 80000 cavalli ogni anno, ignorando le norme sull’animal welfare che esistono e valgono nell’intero territorio della UE, ma che non vengono fatte rispettare. Queste le loro tristi condizioni:
– i capi non viaggiono in box individuali, ma in spazi angusti dove cadono e vengono calpestati dagli altri animali
– non vengono mai fatti scendere e rifocillati, anche se le norme in materia prevedono che ciò avvenga almeno ogni 24 ore
– in Catalogna vengono allevati pascolando liberamente tra le colline. I mattatoi locali però non sono in grado di lavorare e congelare la carne per la successiva commercializzazione
– da 36 a 46 ore di viaggio
– in estate temperature superiori ai 40 gradi!!!
– cibo e acqua non somministrati con  regolarità
NON E’ SOLO UNA QUESTIONE DI RISPETTO PER GLI ANIMALI!
– le cattive condizioni igieniche e di trasporto hanno ripercussioni anche sulla qualità della carne:
secondo la FAO:
1) quando gli animali sono stipati su un camion, bastano 30 minuti per far passare dal 18 al    46% il livello Salmonella negli escrementi!
2) all’arrivo il numero degli animali infetti passa dal 6 all’89%!!!
3) con 170000 cavalli macellati ogni anno, l’Italia detiene il primato di più alto consumo di carni equine, la Puglia è la regione che guida la graduatoria, con il 32%del totale nazionale
4) i consumatori sono convinti di comprare carne di provenienza locale
COSA CHIEDIAMO:
– il commercio di animali vivi su lunga distanza deve finire, e se proprio non è possibile, che la macellazione avvenga vicino ai luoghi di allevamento
– le leggi emanate dall’UE devono essere fatte rispettare in modo rigoroso
Direi altro, perchè sono tanto arrabbiata, triste e mi sento impotente. Mi rendo conto che non tutti sono sensibili come me, che quando passo vicino ad un macello mi sforzo per non piangere o quando vedo i camion in autostrada (la situazione non riguarda solo i cavalli…!) ma almeno…pensate alla vostra salute quando vi trovate nel piatto una “bella” fiorentina di Furia! 
Grazie dell’attenzione
 

Posted by
laurarossimartelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *