Uova di Pasqua LAV



Oggi a Parma ho trovato lo stand della “mia” Associazione, la LAV. 

Giusto per dimostrarvi che non predico soltanto e poi razzolo male…
Il cioccolato è fondente del commercio equoesolidale ed è veramente ottimo (sì, l’ho già aperto!).
Poi anche la sorpresa, io ho trovato un ciondolo a forma di elefantino, è del commercio equoesolidale ed è molto carina.
Andate domani in piazza!


Con il vostro contributo aiuterete a liberare le galline ovaiole che vivono in gabbie di batteria. Le alternative ci sono: allevamento all’aperto e biologico o allevamento a terra.
Dal 1° gennaio 2012 sarà vietato l’allevamento delle galline nelle gabbie di batteria. Tale scadenza, tuttavia, rischia di essere rinviata. La LAV chiede l’immediata applicazione della direttiva e il bando delle gabbie entro il 2012. 
Le galline in batteria vivono in uno spazio di massimo 30×20 cm, ventilazione e luce forzata per aumentare la produzione di uova, non possono quindi muoversi nè razzolare nè fare bagni di terra come sarebbe nella loro etologia. Osteoporosi e frattura delle ossa sono le conseguenze. I loro arti si deformano e le loro unghie crescono a tal punto da girarsi intorno alle gabbie. Ciò che è peggio, però, sono i danni psicologici. In queste condizioni le galline impazziscono e diventano aggressive fino a diventare cannibali, tanto da subire la mutilazione del becco.
Uno studio della commissione europea afferma che 12 uova “all’aperto” costerebbero 32 centesimi di euro in più rispetto a 12 uova di batteria. Questo vuol dire che un uovo da galline non in gabbia costerà solo 2.6 centesimi in più di uno in batteria. L’aumento sarà di 11 centesimi di euro a settimana per il consumo di uova allevate all’aperto. Mi sembra una differenza irrisoria, cosa dite?
Quando andate al supermercato dovete guardare il codice: il primo numero del codice (che trovate sia sulla confezione sia sul guscio) descrive il sistema di allevamento: 
uova da agricoltura biologica     codice 0
uova da allevamento all’aperto              1
uova da allevamento a terra                   2
uova da allevamento in gabbia               3
N.B. le diciture come “uova di fattoria” o di “campagna” non corrispondono a reali spazi di libertà: sono diciture di fantasia, spesso usate proprio per uova da galline in gabbia!
Se potete, andate direttamente dal contadino!
Per favore, se leggete questo post lasciate un commento, anche se siete contrari. Non voglio imporre, ma vorrei un dialogo costruttivo.

Posted by
laurarossimartelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *