Gene del corteggiamento



Ogni tanto si sente parlare della scoperta di geni per specifici comportamenti: “gene dei mammoni”, “gene della schizofrenia”, ecc.
Un gruppo di scienziati sembra aver scoperto il “gene del corteggiamento” nel moscerino della frutta, insetto molto utilizzato nella ricerca biologica.

Sembra infatti che un gruppo di 20 cellule nervose nella regione dorsale del cervello sia deputata al comportamento di corteggiamento della femmina, che consiste nell’inseguirla e vibrare le ali. La femmina infatti sembra interrompere lo sviluppo di queste cellule e se artificialmente immesse mostrerebbe questo comportamento tipicamente maschile.
Ottimo spunto di riflessione per l’esame di lunedì, soprattutto dopo aver letto “Il gene agile” di Ridley in cui è d’obbligo pensare che nature e nurture collaborano. Ma questa volta, quanto è veramente implicato l’ambiente?
Chiederò ai miei docenti…
Una cosa è sicura: se anche l’uomo ha questi geni…e tutto dipende da quelli…beh, alcuni uomini ne sono privi!

Posted by
laurarossimartelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *