L’uomo che sussurra ai cani. Come educare il tuo cane usando lo stesso linguaggio- Graeme Sims


Mi scuserà l’autore se non mi dilungo con la sua presentazione, ma penso apprezzi il fatto che parlo dei suoi cani e di ciò che questo libro mi ha insegnato. L’approccio delicato è il più rapido e il più affidabile, per maltrattare un cane basta essere del tutto incapaci di capirlo. Sussurrare ai cani significa trattarli alla pari, come compagni: è un metodo decisamente più delicato di quelli consueti, e non mira a snaturare il carattere dell’animale.


I consigli presi quà e là, anche se merita di essere letto, perché certe affermazioni possono essere male interpretate e ovviamente incomplete:
– NON strusciargli il naso nei suoi bisogni quando la fa in casa: ridicolo, distrutivo e antiquato (conferma di quanto detto ne “Il cane al guinzaglio”): non bisogna proibire di servirsi di un certo posto, ma invogliare a usarne un altro. Non usate i giornali, portateli fuori e pulite bene dove ha sporcato in modo da non lasciare traccia.
– NON assegnare nomi lunghi (es. perfetto “Blu”)
– NON cominciare l’addestramento prima dei 6 mesi. Dai 6 mesi alla maturità sessuale è il periodo di maggiore apprendimento
– NO occhi strizzati: dimostrano irritazione a aggressività (tenere quindi gli occhi ben aperti)
– usare linguaggio del corpo, corpo e voce, corpo voce e fischietto a seconda del grado di lontananza
– ogni singolo addestramento non deve durare più di 10 minuti al giorno, e sia prima che dopo è preferibile farli sfogare e correre.
– i casi di aggressione ai bambini e ai disabili possono capitare perché i cani li considerano pericolosi, leggendo un linguaggio del corpo (braccia aperte e agitazione) che a loro appare decisamente minaccioso.
– non giocate a rincorrervi col cane e non fate la lotta con lui, non incoraggiate il cane a farvi saltare addosso per farsi coccolare (io stessa lo faccio e so che non dovrei: so come reagisce con me e riesco a prevenire prima che si agiti troppo e morda, ma non comprende la differenza tra me e un’altra persona, e capisco che non a tutte le persone piaccia farsi saltare addosso, specie se vestite bene! Correggerò questo mio sbaglio :/)
– non scandalizziamoci per gli episodi di aggressività: fa parte della natura del lupo. 3 le cause principali di aggressione: 1- incomprensione da parte dei padroni (ignori i suoi segnali di sottomissione e lo picchi? Il cane risponde con la violenza!)
2- eccesso di selezione per ottenere un’apparenza perfetta o un’eccellenza funzionale
3- sottrarre troppo presto i cuccioli all’influenza “educativa”della madre
– non portare via il cane alla madre prima delle 12 settimane (vi consiglio di vedere il post correlato sul servizio delle Iene di Elisa)
– come conquistare il cuore del vostro cane? esercizio fisico, cibo e gentilezza
– l’autore è contro la somministrazione del bocconcino per addestrarlo: come rinforzo positivo è preferibile un complimento e una carezza.
– il cane morde i mobili? Si sta annoiando, gli mancano stimoli fisici e mentali
– un cane ha bisogno di una routine riconoscibile, altrimenti è infelice
Altri consigli sui problemi comportamentali più comuni, ad es. come comportarsi quando arrivano ospiti, come insegnargli a non tirare il guinzaglio, oppure alcune cose di cui non ero a conoscenza come la “pica” oppure il “riportello” o lo stratagemma della bottiglia di plastica piena di sassolini da scuotere per far sì che i suoi latrati finiscano. Racconti delle sue esperienze con i suoi cani, comandi come “Alt” e “Torna” spiegati nel dettaglio.
Quando lo si ha finito si ha la sensazione, a differenza dello scorso libro che vi avevo presentato, di sapere già molto prima di averlo letto. In realtà lo trovo molto formativo, soprattutto per entrare in quella relazione di fiducia e amore col cane che è la sola a creare un corretto rapporto più gestibile e felice per entrambi, Homo e Canis.
Mi è piaciuta molto l’ultima frase, che si addice anche alla mia Inky:” La pace ha la forma di un cane. La gioia ha un folto mantello bianco e nero”.

Consiglio il sito www.simssheepdogs.co.uk dove troverete i suoni prodotti dal fischietto associati ad un comando (utilizza addirittura una lingua o dialetto per ogni cane!), le foto dei suoi cani, altri link e anche un giochino (bella idea mostrare in questo modo il mestiere dei suoi 15 cani da pastore!)…insomma, quando guardo quelle colline…non chiedetemi cosa voglio fare da grande…non si capisce?!

Ringrazio mia zia per il regalo!

Posted by
laurarossimartelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *