A tu per tu con il cane – Eberhard Trumler

Un testo che non può mancare nella libreria del cinofilo. E con cinofilo intendo etologo. Sì, perché la mia tolleranza verso le “neoprofessioni” legate al settore della cinofilia è in forte diminuzione. La piega che sta prendendo la cinofilia, soprattutto nel nostro Paese, mi preoccupa: vorrei meno benpensanti e più pensatori, meno gentilisti e più osservatori, meno prestigiatori e più uomini. Trumler, allievo di Konrad Lorenz, per trent’anni ha vissuto con circa sessanta canidi, raccogliendo una gran quantità di informazioni scientifiche sull’etologia canina.

Leggendo questo testo, soprattutto nella parte iniziale, avremo un forte impatto con la natura del cane, che non è cattiva né buona, ma giusta, e verranno spazzati via errori e pregiudizi radicati in noi.

Nella seconda parte, quasi come, passato lo shock iniziale, ci fossimo abituati al pensiero scientifico e razionale (così ostile a molti autori moderni), l’autore sembra addirittura cambiare linguaggio, addolcendo la pillola e trasportandoci con amorevole cura nella relazione cane-uomo.

Purtroppo gli altri testi di Trumler non sono stati tradotti in italiano, quindi sono pronta a commissionare la traduzione a chi sapesse il tedesco.

Non mi dilungo su contenuti o elogi: mi inchino di fronte a questo autore che è da leggere, soprattutto per chi ha voglia di respirare della terminologia scientifica pura (e io ne avevo un gran bisogno).

 

Per finire, vi lascio alle parole di Trumler“…si renderà conto di come tutto quello che percepiamo di lui sia solo una pallida ombra di ciò che questo animale è in grado di esprimere quando gli è permesso di essere veramente quello che è: un cane”.

 

Posted by
laurarossimartelli

1 comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *