Corso per conduttore in pet-therapy: è riconosciuto?

Sì, è vero, ognuno tira acqua al suo mulino. Quando il mulino è costruito bene però funziona! In parecchi hanno accusato il fatto che il corso di pet-therapy in partenza a ottobre non è riconosciuto ufficialmente. Facciamo un po di chiarezza:

In Italia non esiste una normativa vigente per la pet-therapy: non esiste un Albo o un Ente che certifichi.

Esempio: io sono addestratrice cinofila ENCI, ciò significa che l’ENCI riconosce questa professione e sono inserita nell’Albo apposito, che è riconosciuto dal Ministero della Salute. L’ENCI però non riconosce la pet-therapy…

Un educatore cinofilo diplomato con attestato rilasciato da un’altra scuola non è meno valido di un addestratore ENCI solo perché non è riconosciuto a livello nazionale e ovviamente è libero di esercitare la sua professione. Quindi al momento la formazione è affidata ai privati (associazioni o liberi professionisti).

Ci sono delle linee guida nazionali (ultimo aggiornamento nel marzo 2015) e se la legge verrà recepita a livello regionale (se, perché è tutto da vedere), le cose potrebbero cambiare, ma come?

È probabile che chi ha frequentato minicorsi che non seguivano le linee guida (inteso come numero di ore, qualità dei docenti, materie trattate, tirocinio, eccetera) debba integrare il suo percorso per avere un riconoscimento e poter lavorare. Chi ha frequentato un buon corso magari dovrà integrare con un weekend, ma questo non c’è dato di saperlo prima.

Guardatevi in giro: ci sono corsi di tutti i tipi per tutti i gusti.

Corsi con meno ore di questo e costi più elevati, corsi con meno ore e costi inferiori, corsi (anche universitari) che richiedono un impegno di tempo e denaro notevole: usate il buon senso, sarà quello che vi guiderà anche nel delicato momento in cui condurrete la vostra prima ora di pet-therapy, le mani vi tremeranno per l’emozione e scoprirete che nonostante tutti i vostri studi e il tirocinio… sarà un’esperienza unica!

Per scaricare il programma del corso a Montichiari (BS) in partenza a ottobre clicca qui

Posted by
laurarossimartelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *